Quanto costa realizzare un sito con WordPress?

Perché, se tu usi WordPress che è uno strumento gratuito, io devo pagarti per realizzare un sito web?

Saper scegliere gli "strumenti del mestiere" può decidere la riuscita o meno di un progetto

Quante volte mi sono sentito fare questa domanda, e quante volte ai clienti ho dato la stessa risposta: “Quello che tu paghi non è WordPress, ma è la mia esperienza e professionalità, la mia profonda conoscenza dello strumento nell’ installarlo, configurarlo, e personalizzarlo in modo tale che TU (cliente) raggiunga il tuo obbiettivo.

Segui questo ragionamento, io non sono un sarto, io sono un Web Designer, un Web Developer orientato ai social network, ma non sono un sarto. Tu adesso mi dirai che c’entra, ma continua a seguirmi nel ragionamento, mettiamo il caso che hai la necessità di acquistare un bel vestito per una cerimonia, la prima cosa che fai è guardare le vetrine, per farti un’idea, poi cominci a guardare i prezzi, per capire quanto dovrai spendere, quindi ti crei un budget, per avere un limite di spesa; dopo, e solo dopo questa prima fase, cominci a girare per mercatini, negozi, centri commerciali, boutique. Mentre giri per questi negozi, trovi diverse soluzioni che in parte ti soddisfano, c’è la soluzione che ti sta comoda, ma non te la vedi bene addosso; poi trovi quella che ti piace, ma costa tanto; in un altro negozio trovi il commesso un po’ paraculo che ti vuole vendere assolutamente qualcosa; poi trovi quello che ti sta bene addosso, è economico, ma per starci dentro devi trattenere il fiato e non fare movimenti azzardati.

Un po’ scoraggiato da tutto questo, ti fai due conti, e vedi a cosa puoi rinunciare, ma un tuo conoscente ti consiglia di rivolgerti ad un sarto, che lo ha fatto anche lui, che non ha speso molto e che il vestito che gli ha fatto era comodissimo e bello da indossare; allora chiedi al tuo amico come contattare il sarto e fissi un appuntamento. Incontri il sarto e le prime due cose che ti chiede è: che budget hai e per che cerimonia vuoi l’abito. E tu pensi “cavoli, non gli ho detto ancora cosa voglio e già mi chiede soldi?” E il sarto precisa che ha bisogno di saperlo per decidere che tipo di stoffa e che modelli può o non può proporti. Ti fa vedere quindi i suoi lavori precedenti, i vestiti che ha realizzato, tu trovi quello che ti piace, vi mettete d’accordo sul modello, il sarto prende le misure, abbozza due conti e ti dice il costo del vestito.

Tu guardi la cifra ed esclami :”Tutti quei soldi per il vestito? Ehi guarda che devi solo cucire insieme pezzi di stoffa!”

Gli ultimi ritocchi sono sempre i più importanti

Il sarto ti guarda e ti risponde: Bhè, siamo nel budget che tu mi hai detto, e poi sì, hai ragione nel dire che devo solo cucire insieme pezzi di stoffa, ma prova a farlo tu, prova a prendere dei pezzi di stoffa e a trasformarli in un vestito per cerimonia. Semplicemente ti accorgerai che è un lavoro di precisione, professionalità, e pazienza; perché dopo aver confezionato l’abito, tu verrai a provarlo, e lì vedrai la differenza, perché avrai un abito da cerimonia, che ti è stato cucito addosso, non la replica di un vestito che sta bene a qualcun altro!

Ecco, io sono COME un sarto, che cuce addosso ai vostri obbiettivi progetti web in base alle vostre esigenze, utilizzando dei modelli, impiegando tempo nel capire quali sono gli obbiettivi del cliente, cercando di rientrare nel budget, apportando mille modifiche dell’ultimo momento al progetto iniziale perché non vanno bene. Ed è per questo che anche se uso uno strumento gratuito come WordPress, il mio lavoro è comunque da pagare; provate voi ad installare WordPress e a configurarne permessi, opzioni e quant’altro! 😉

5 risposte a “Quanto costa realizzare un sito con WordPress?”

  1. L’articolo è divertente ma il paragone è sbagliato.
    Tu non sei un sarto che realizza un vestito da zero partendo dalle stoffe ecc…..se mai sei uno di quei sarti che se porti il vestito con le maniche troppo lunghe, la fodera da cambiare ecc, riesce a farlo sembrare un vestito fatto su misura da zero 😉

    1. Ciao Max,
      mi fa piacere che con questo articolo sono riuscito a strapparti un sorriso; mi piacerebbe però spiegarti che io (e molti altri professionisti come me) parto sempre dalle stoffe (le esigenze del cliente), poi gli porto un primo vestito magari con le maniche un po’ lunghe, oppure con una fodera da cambiare, ma quel vestito (da adeguare nei dettagli) l’ho comunque cucito io 😉 .
      Nei miei progetti uso molto spesso WordPress come CMS, che è un ottimo CMS, versatile, economico e semplice da utilizzare, per quanto riguarda temi e/o plugin sono io che li scrivo. Se poi ci sono delle esigenze particolari (vedi ad esempio http://www.ravennaedintorni.it ) tutto il codice viene scritto da zero, costruendo un CMS da zero; ovvio che ha un costo per il cliente nettamente superiore rispetto ad un sito che usa come CMS WordPress (o Joomla! o Drupal o TYPO3 che si voglia).
      Quello che voglio dirti e che molto spesso accade che i clienti sottovalutano il mio impegno e il mio mestiere, e quest’articolo era solo uno sfogo dovuto all’ennesimo analfabeta digitale che ho trovato sul mio cammino.
      Grazie per il tuo commento e per avermi fornito l’occasione per spiegare meglio il mio punto di vista.
      Continua a leggermi,

      Vito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *