Ubuntu: Linux per esseri umani

Una persona che viaggia attraverso il nostro paese e si ferma in un villaggio non ha bisogno di chiedere cibo o acqua: subito la gente le offre del cibo, la intrattiene. Ecco, questo è un aspetto di Ubuntu, ma ce ne sono altri. Ubuntu non significa non pensare a se stessi; significa piuttosto porsi la domanda; voglio aiutare la comunità che mi sta intorno a migliorare?

(Nelson Mandela)

La schermata di UbuntuUbuntu è un’etica, o un ideologia, dell’Africa sub-sahariana che si focalizza sulla lealtà e sulle relazioni reciproche delle persone; ed è da questo pensiero che prende nome l’omonimo sistema operativo Linux.

Ubuntu prende vita nel 2004 e si basa su Debian, una delle tante distribuzioni Linux, e si basa sull’utente e sulla facilità di utilizzo; è un sistema orientato all’utilizzo del desktop e si focalizza sul supporto hardware. Ubuntu viene rilasciato come software libero sotto licenzaGNU GPL, è gratuito e totalmente modificabile.

Il sistema operativo viene rilasciato con un set di programmi base quali: la suite da ufficio OpenOffice.org per creare, stampare, modificare documenti o presentazioni; il browser Mozilla Firefox; un client BitTorrent per scaricare e condividere i file in rete;GIMP, un programma di fotoritocco; il client di e-mail Evolution; ma la novità principale è Gwibber. Gwibber è un client open source che supporta molte piattaforme di microblogging e gestisce numerosi network tra cui Twitter, Facebook, FriendFeed, Digg, Flickr e molti altri; questo è integrato in Ubuntu, tanto da darci la possibilità di gestire contemporaneamente tutti i social network che seguiamo.

E’ possibile scaricare e installare gratuitamente oltre 16.000 programmi open source del’universo Linux tra cui Inkscape, aMSN, aMule, Compiz Fusion, e tramite l’Ubuntu Software Center è possibile scaricare, sempre gratuitamente, una lista di applicazioni che possono sostituire programmi propietari usati sugli altri sistemi operativi come Microsoft Office o Adobe Photoshop.
Per poter eseguire Ubuntu ci basta un pc che possa utilizzare Windows XP, Vista, Win 7 oppure OsX poi basta inserire il Live Cd e possiamo scegliere se eseguire Ubuntu direttamente da Cd oppure installarlo sulla macchina anche partizionando la macchina.

Dal punto di vista della sicurezza, Ubuntu è molto resistente a programmi dannosi come virus, spyware, adware o malaware, questo grazie alla sua architettura Linux che lascia poca o nessuna libertà d’azione ad un programma nocivo; anche perché la maggior parte di questi programmi sono sviluppati per Microsoft Windows che gode di una più ampia diffusione; inoltre l’utente utilizza un account con permessi limitati, riducendo la pericolosità dei programmi installati, per eseguire compiti amministrativi Ubuntu richiede la propria password per confermare l’operazione.

Se vogliamo fare un paragone tra il sistema Ubuntu (l’ultima versione è la 10.4) e i più diffusi Sistemi operativi Windows (prendendo in esame Vista e 7); Ubuntu risulta molto più leggero in quanto occupa solo 2,3 Gb di spazio rispetto agli 8.2 di Vista e ai 7.9 Gb di Win7; inoltre Ubuntu è molto più veloce anche quando si parla di spostamenti di file da periferiche USB all’Hard Disk, mentre risulta essere un po’ più lento quando dobbiamo spostare file di grosse dimensioni da HD ad HD. ( Si ringrazia il blog Geekissimo per i dati sul confronto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *